Musica nello studio dentistico? Nessuna lesione del diritto d'autore.

Cassazione Civile, Sezione VI-1, ordinanza 08/02/2016 n° 2468

Con l’ordinanza, 2 dicembre 2015 – 8 febbraio 2016, n. 2468, la Corte di Cassazione, adottando la propria decisione in conformità ai principi di diritto d’autore europeo in materia, ha ribaltato l’esito del giudizio in appello.

La vicenda giudiziale ha avuto inizio con la domanda della Società Consortile Fonografici (SCF), volta all’accertamento dell’obbligo da parte di uno studio dentistico del pagamento dell’equo compenso dovuto per l’esecuzione in pubblico di fonogrammi. 

La SCF, è un consorzio privato, nato nel 2001 con sede a Milano, che rappresenta collettivamente i produttori fonografici, alla stessa associati, ai fini del rilascio delle licenze, la raccolta dei compensi e la successiva ripartizione di questi ultimi agli aventi diritto; riscossi a seguito delle c.d. “utilizzazioni secondarie” dei fonogrammi (ai sensi dell’art. 73 e 73 bis Legge 633/1941 - Legge sul diritto d’autore), nonché per la ripartizione dei compensi per copia privata (ai sensi dell’art. 71 septies LdA). 

Ai sensi dell’art. 73 LdA, i produttori di fonogrammi (unitamente agli artisti interpreti esecutori) hanno diritto ad un compenso per l'utilizzazione a scopo di lucro dei fonogrammi, oltre che nelle altre ipotesi indicate dalla norma in commento, per quel che qui interessa, “…nei pubblici esercizi ed in occasione di qualsiasi altra pubblica utilizzazione dei fonogrammi stessi. L'esercizio di tale diritto spetta al produttore, il quale ripartisce il compenso con gli artisti interpreti o esecutori interessati”. Nel caso in cui l’utilizzazione secondaria del fonogramma avviene per fini non di lucro, i titolari dei diritti connessi hanno diritto ad un equo compenso, che viene determinato, riscosso e ripartito, salvo diverso accordo tra le parti, secondo le norme del regolamento della LdA (art. 73 bis LdA).

Secondo la tesi della SCF, i clienti presenti all’interno di uno studio legale, in attesa di essere ricevuti, qualora ascoltino musica di sottofondo, costituiscono la nozione di “pubblico” che integra la fattispecie legale idonea a far scattare l’obbligo del versamento dell’equo compenso da parte dello studio dentistico. 

La domanda della SCF è stata accolta dalla Corte d’Appello. Lo studio dentistico ha presentato ricorso dinanzi la Corte di Cassazione, lamentando la disapplicazione da parte della Corte d’Appello dell’interpretazione fornita del concetto di “pubblico”, in un caso simile, dalla Corte europea di Giustizia, in cui ha escluso che, nel caso di clienti di uno studio dentistico, si sia in presenza di un "pubblico" che giustifichi l'applicazione degli artt. 73 o 73 bis LdA. 

La Corte europea di Giustizia ha avuto modo di chiarire il significato di “pubblico” ai sensi dell’art. 3, par. 1 della Direttiva 29/2001/CE sul diritto d’autore e i diritti connessi nella società dell’informazione, stabilendo che esso debba essere definito come: 1. “un numero indeterminato di potenziali ascoltatori; 2. “ossia, un numero generico di persone, e non di individui appartenenti a uno specifico gruppo”; 3) “che sia il destinatario specifico della comunicazione e della ricezione e non semplicemente coinvolto nell’ascolto per caso" (C- 306/05 SGAE; C-403/08 e C-429/08 Football Association Premiere League and Others). 

Applicando questi principi al caso degli studi dentistici, la Corte ha ritenuto che con riferimento al numero di persone per le quali il dentista rende udibile il fonogramma diffuso, si deve constatare che tale pluralità di persone è scarsamente consistente, se non persino insignificante, dal momento che l'insieme di persone simultaneamente presenti nel suo studio è, in generale, alquanto ristretto. Inoltre, “benché i clienti si succedano, ciò non toglie che, avvicendandosi, detti clienti, di norma, non sono destinatari dei medesimi fonogrammi, segnatamente di quelli radiodiffusi".

Pertanto, in caso di musica diffusa in sottofondo all’interno della sala d’attesa di uno studio dentistico non si integrano gli estremi della comunicazione al pubblico dei fonogrammi e, pertanto, nessun diritto a compenso è riconosciuto ai titolari del diritto d’autore e ai titolari dei diritti connessi.

La Corte di Cassazione ha dovuto, in tale occasione, ricordare alle giurisdizioni minori che le decisioni della Corte di Giustizia costituiscono una regola di diritto applicabile dal giudice nazionale in ogni stato e grado di giudizio; con la conseguenza che la sentenza della Corte di Giustizia è fonte di diritto oggettivo (Cass. 17994/15; Cass. 1917/12; Cass. 4466/05; Cass. 857/95). La Corte di Giustizia europea è l’unico organo giurisdizionale deputato all’interpretazione delle norme europee applicabile dal giudice nazionale anche ai rapporti giuridici sorti e costituiti prima della sentenza interpretativa (CG C-231/96; C- 61/79; Cass. 17994/15).

E’ proprio dalla natura dichiarativa delle sentenze della Corte di Giustizia che discende l'efficacia retroattiva, sin dal momento dell'entrata in vigore delle norme interpretate, applicabile ad ogni rapporto giuridico già sorto, purché non esaurito.

Fonte:

Altalex, 17 marzo 2016. Nota di Deborah De Angelis

Seguici sui Social

Facebook
Linkedin