0706/2010 - n. 21505 - Cassazione Penale IV° sez.

Se il contagio è incerto il medico è innocente! La quarta sezione penale della Cassazione ha confermato una pronuncia di assoluzione emessa dalla Corte di Appello nei confronti di un medico.

Nei fatti, il sanitario, in servizio presso un istituto religioso, era stato condannato in primo grado dal tribunale per lesioni colpose: gli si contestava di aver causato un contagio da epatite C ad un paziente utilizzando strumenti non correttamente sterilizzati nel corso di una gastroscopia con prelievo bioptico, dopo aver eseguito analogo esame al padre dello stesso. In secondo grado, però, il risultato veniva ribaltato: secondo la Corte di Appello, infatti, non era stato possibile accertare, con elevato grado di probabilità vicino alla certezza, che il quadro clinico presentato dal paziente a dicembre 2001 fosse la prima manifestazione di un’epatite acuta di tipo C e che dunque l’infezione potesse essere rapportata alle manovre endoscopiche effettuate dal camice bianco. E per la Cassazione la sentenza di appello “ non presta il fianco alle critiche”. E’ vero che il perito ha concluso i suoi rilievi affermando di “propendere” per l’ipotesi che i sintomi accusati due mesi dopo la gastroscopia fossero la prima manifestazione di un’epatite acuta recentemente contratta, ma gli elementi posti a sostegno di questa tesi mancano di “connotazioni di sicurezza”. Le tante contraddizioni emerse dal procedimento impediscono, in realtà, di leggere la vicenda in termini di ragionevole certezza. Senza contare – proseguono i Supremi Giudici – che la Corte di Appello ha escluso che la presunta contaminazione potesse essere stata determinata dall’uso dello stesso gastroscopio o dal contatto dei due gastroscopi utilizzati. Ed anche l’ipotesi residuale dell’utilizzo della stessa pinza bioptica è stata “fondatamente” ritenuta improbabile alla luce delle testimonianze acquisite, da cui è emerso non solo che due diversi strumenti erano stati usati per i due interventi, ma anche che non c’era ragione di ricorrere alla stessa pinza, visto il numero di quelle disponibili. Pertanto, - conclude la Cassazione - se non si accerta “in termini prossimi alla certezza” che la condotta del medico ha provocato il danno contestato dal paziente, il medico va assolto.

OO.MM.  Salerno notiziario 10/07/2010

Blog Odontoiatria Legale

Как лечить бронхиальную астму. Советы как лечить астму. Где лечить бронхиальную астму. Чем лечить горло ребенку. Красное горло чем лечить быстрее. Чем лечить больное горло. Как лечить гнойную ангину. Скажите как лечить гнойную ангину ребенку. Как лечить ангину антибиотиками. Как лечить сухой кашель. У меня сильный кашель как лечить. Как лечить кашель народными средствами. Средства для возбуждения женщин. Быстрое возбуждение женщины. Признаки возбуждения у женщин. Волосы уход в домашних условиях. Быстрый уход за волосами и лицом. Уход за сухими волосами. Боли в спине лечение. Народное лечение спины дома. Лечение спины народными средствами. Лечение пальцев ног. Почему судороги в ногах причины лечение. Лечение ног народными средствами.

Sempre in tema di consenso informato: una possibile soluzione” Mario Aversa


 Acquista il libro

Copertina-Libro-Mario-Aversa

Altre informazioni:


Segreteria-prenotazioni: +39.081.515.2323
e-mail: mario.aversa@libero.it
e-mail: dr.marioaversa@gmail.com
web: www.studiopolispecialisticoaversa.it


Iscriviti alla newsletter !!!
Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici sui Social

Facebook
Linkedin