Nei casi di shock anafilattico l'odontoiatra deve saper fare la cricotirotomia?

Domanda

Nei casi di shock anafilattico l'odontoiatra deve saper fare la cricotirotomia oppure basta aver iniettato adrenalina e le altre manovre di urgenza blsd e attendere l'intervento del medico di 118?

Risposta

Premesso che non esistono normative di legge specifiche in materia riteniamo che nelle emergenze mediche l’odontoiatra deve operare così come qualsiasi altro specialista, facendo fronte alle probabili evenienze d’urgenza con la strumentazione adatta e le cognizioni di base in  ambito delle urgenze e precisamente:

1)  possedere, quale dotazione strumentale, un kit di emergenza (almeno: cannule,  ambu,  O2)  e i farmaci essenziali (almeno: broncondilatatoti spay, aminofilline, cortisone, adrenalina, atropina);

2)   mettere in atto le doverose e possibili manovre rianimatorie di base: mantenere pervie le vie respiratorie, ossigenare e, in caso di arresto, massaggio come da protocolli.

3) contemporaneamente contattare subito il 118. Per questo è utile effettuare delle simulazioni in studio e stabilire preventivamente “chi deve fare cosa”