Odontolex.it

Odontoiatria Legale... e dintorni

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

09/02/2010 - n. 2847 - Cass. Civ. Sez III - Consenso - autodeterminazione - nesso causale

E-mail

La sentenza conferma la recente giurisprudenza circa la risarcibilità di “ogni tipo di pregiudizio non patrimoniale” derivato da una prestazione sanitaria in assenza di consenso, anche se l’intervento è stato eseguito “ex lege artis” e senza danno per il paziente, essendo leso il suo diritto di autodeterminazione; sono, ovviamente, tutte da dimostrare le tangibili conseguenze della lesione di tale diritto.

Per quanto concerne il danno biologico eventualmente derivato, precisa la Suprema Corte, esso non è risarcibile automaticamente; risulta necessaria una rigorosa e corretta valutazione del nesso causale tra la mancata possibilità di autodeterminarsi - in difetto di consenso - e il danno biologico riportato; spetta al paziente dimostrare che conoscendo il rischio non si sarebbe sottoposto all’intervento proposto; onere della prova, quindi,  a suo carico.

Ultimo aggiornamento Lunedì 15 Marzo 2010 14:54