Odontolex.it

Odontoiatria Legale... e dintorni

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

15/10/2007 - Trib. Monza - Odontoiatria - Contratto professionale

E-mail

Trib. Monza 15/10/ 2007 - Odontoiatria – Contratto d’opera – Contratto professionale (conforme a Cass 3220/2008)

L’attività di odontoiatra deve essere ricondotta, per una corretta valutazione della responsabilità, ai contratti di professione intellettuale, in base ai quali la negligenza, l’imperizia o l’imprudenza sono da ravvisare nelle prestazioni erogate e non negli eventuali vizi o difetti dell’opera finale. Ciò perché tale attività si attua con prestazioni di diagnosi e cura.

È quanto affermato dal Tribunale di Monza in relazione ad un caso contestato da un paziente di studio odontoiatrico nel 2005. In quest’occasione, il paziente instaurava un giudizio nei confronti dell’odontoiatra a seguito della rottura degli elementi in ceramica posizionati nell’ottobre 2001. L’odontoiatra, affermando che le sue prestazioni sono da configurare come contratti d’opera, intendeva contenere la sua eventuale responsabilità nei confronti del paziente ad un anno dalla consegna della protesi. Il Tribunale ha invece accolto l’azione del paziente, precisando che il giudizio era stato promosso nei termini in virtù della disciplina delle professioni intellettuali e ai relativi termini di prescrizione e decadenza.

Nella medesima sentenza viene affrontato anche il tema delle polizze assicurative per responsabilità professionale, dal momento che il convenuto, all’epoca dei fatti, era coperto da polizza, poi disdetta dalla compagnia assicuratrice in data successiva ma perfettamente in vigore all’epoca di esecuzione dei fatti contestati.

La compagnia assicuratrice aveva dichiarato di non poter coprire sinistri che avevano avuto la loro manifestazione in epoca successiva alla disdetta, ma il Tribunale, ritenendo che fosse difficile se non impossibile stabilire se i danni patiti da paziente fossero o meno riconducibili alle prestazioni erogate dal dentista prima della disdetta della polizza, ha condannato la compagnia a sostenere il 50% dei danni.

Ultimo aggiornamento Venerdì 05 Febbraio 2010 18:19