Odontolex.it

Odontoiatria Legale... e dintorni

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

n. 4294/2009 - Cassazione Penale - Sezione Sesta - Responsabilità del medico - Delega - Attività

E-mail

Responsabilità del medico - Delega - Attività

Commette il reato di esercizio abusivo della professione di igienista dentale il soggetto che, senza aver conseguito la necessaria abilitazione, esegua l’ablazione del tartaro e la lucidatura delle arcate dentarie. Sono abilitati i soggetti che abbiano conseguito un diploma di laurea triennale in Igiene dentale, con esame finale avente valore di abilitazione all'esercizio della professione, oppure gli odontoiatri.

L’odontoiatra che permetta a chiunque altro, sia esso dipendente o collaboratore, di svolgere atti tipici della professione odontoiatrica (prelevamento di impronte nel cavo orale) o di igienista dentale (ablazione del tartaro e lucidatura delle arcate dentarie), commette reato.

Infatti l'odontotecnico è unicamente abilitato a «costruire apparecchi di protesi dentaria su modelli tratti dalle impronte […] fornite dal medico chirurgo» (ora odontoiatra), restando esclusa, «anche alla presenza ed in concorso del medico o dell'abilitato all'odontoiatria, alcuna manovra, cruenta o incruenta nella bocca del paziente, sana o ammalata».

Fonte:

http://www.aziendalex.kataweb.it/article_view.jsp?idArt=87754&idCat=376

Ultimo aggiornamento Giovedì 04 Agosto 2011 15:21